IMPIANTI DENTALI

impianti-dentali.jpg

Oggi vogliamo parlarti di IMPIANTI DENTALI!

Indice dell’articolo:
Clicca sull’argomento che ti interessa per leggerne il contenuto:

Cos’è un impianto dentale?

Un impianto dentale non è altro che una vite artificiale inserita nell’osso che ha la funzione di sostituire la radice del dente mancante o di dare stabilità ad una protesi “ballerina”.

E’ una terapia riabilitativa SICURA ed AFFIDABILE.

Permettono di ripristinare il CONFORT, l’ESTETICA e la SICUREZZA perdute.

Anche se negli anni sono stati studiati diversi tipi di impianti di tutte le forme e grandezze, oggi si utilizzano principalmente impianti che hanno una forma simile ad una vite, cilindra o conica, generalmente in titanio.

Il titanio è lo stesso materiale che viene utilizzato anche per le protesi d’anca. Quindi è BIOCOMPATIBILE, cioè NON DA ALLERGIE, NE’ RIGETTO.
E’ un materiale che “piace” molto all’osso che ci cresce sopra unendosi all’impianto stesso. Questo processo si chiama OSTEOINTEGRAZIONE.

Una volta che l’impianto si è unito all’osso il paziente non sente nessuna differenza tra il dente “finto” e quello vero. Molti pazienti ci dicono addirittura di non ricordarsi dove l’impianto è stato inserito.

Sono affidabili?

Perché un impianto possa essere utilizzato negli studi dentistici deve essere sottoposto a numerosi controlli e deve possedere adeguate certificazioni scientifiche.

Generalmente l’impianto dentale ha un successo del 98%. Una percentuale molto alta in medicina. Significa che su 100 impianti inseriti, 98 vanno alla grande!

All’interno del grande mucchio di “marche” implantari, ce ne sono di diversi tipi: cilindrici, conici, a connessione esterna, interna, conometrica, etc. Ma qui scendiamo nel tecnicismo e su aspetti che non hanno una grande implicazione sul risultato finale e che dipendono dalla filosofia e le preferenze del chirurgo.

Noi del Centro Specialistico Odontoiatrico Ginestra siamo sicuri degli impianti che utilizziamo.

Infatti a fine di ogni intervento viene rilasciato al paziente il PASSAPORTO IMPLANTARE. Un documento che contiene tutte le informazioni sui prodotti utilizzati e costituisce una GARANZIA sulla QUALITA’ DEI COMPONENTI.
Può essere utile anche in caso di permanenza all’estero!

Ho poco osso per mettere un impianto!!

Molto spesso i pazienti ci dicono che non possono mettere gli impianti perché hanno poco osso! VERO o FALSO?

E’ sia vero che falso!

Intorno al dente è presente un osso chiamato OSSO ALVEOLARE, che VIVE solo in presenza del dente!

Se manca il dente, l’osso inizia a riassorbirsi (in un tempo variabile da paziente a paziente) sia in altezza che in spessore. E questo può essere un problema se si vuole inserire un impianto.

MA ad oggi abbiamo tante tecniche che ci permettono di ovviare a questa complicanza!!

  • Possiamo inserire IMPIANTI CORTI e STRETTI.
    Fino a poco tempo fa queste procedure non erano supportate da forti prove scientifiche. Oggi invece la scienza stessa, oltre all’esperienza clinica, ci dimostra che gli impianti corti sono validi tanto quanto quelli lunghi e che possono essere utilizzati con sicurezza!
  • Possiamo RICOSTRUIRE l’OSSO MANCANTE.
    Anni fa questa procedura era difficile da eseguire e l’osso mancante veniva prelevato dall’anca o da altre parti del corpo. Oggi è tutto più semplice e raffinato. Possiamo utilizzare sia osso SINTETICO (un osso “finto” che si trasformerà in osso “vero” nel tempo) oppure possiamo utilizzare osso AUTOLOGO (osso del paziente), prelevato dalla zona dei denti del giudizio. Come se fosse una semplice estrazione.
    Queste tecniche minimamente invasive ci consentono di eseguire interventi di ricostruzione dell’osso in anestesia locale, senza ricoveri, migliorando il decorso post operatorio del paziente.
  • Si vanno ad inserire impianti in quelle zone dove c’è osso, evitando zone dove si è riassorbito maggiormente! Questo è evidente nelle riabilitazioni totali, dove possono essere inseriti 4/6 impianti per andare a sostituire un’intera arcata, le così dette ALL ON FOUR, ALL ON SIX!

No Assoluto o relativo?

NO ASSOLUTO AGLI IMPIANTI

I casi in cui gli impianti non possono essere inseriti per alcun motivo, sono pochissimi. Si tratta generalmente di tutti i pazienti ASA 4, cioè pazienti con gravi malattie e limitazioni importanti.
Sono pazienti molto malati i cui problemi principali non sono di certo i denti!
Va sempre visto tutto secondo una giusta scala di priorità!
Quindi se stai pensando di rimettere un dente, stai pur certo che non fai parte di questo gruppo di pazienti.

C’è un’altra condizione per cui è un divieto assoluto mettere gli impianti. Quando a causa di un tumore osseo o metastasi ossee il paziente ha assunto per via endovenosa BIFOSFONATI. Parleremo in un altro articolo di bifosfonati! 😉
Quando il motivo dell’assunzione di questi farmaci è oncologico, si capisce bene come anche in questo caso la priorità non è l’inserimento di un impianto. Quindi ci troviamo al punto di partenza.

Ci sono poi delle controindicazioni RELATIVE!

Sono tutte quelle condizioni in cui c’è un problema di salute principale che complica l’operazione chirurgica, anche se ambulatoriale, per cui bisogna prendere delle precauzioni aggiuntive. Rientrano in questa categoria le patologie croniche non controllate.

Facciamo un esempio.

Paziente che ha un diabete non compensato, cioè non trattato. Se un paziente ci riferisce di soffrire di diabete, ma è da tanto tempo che non fa una visita “sa dottore sono sciagurato… ci dovrei andare, ma non ho mai tempo”, allora vengono consigliate delle semplici analisi del sangue e il paziente verrà inviato al medico competente!
E’ giusto e molto importante che l’implantologo riconosca queste situazioni a “rischio” e che invii il paziente dal medico competente per le migliori cure!
Siamo dentisti ed è giusto trattare i pazienti per quelle che sono le nostre aree di competenza! D’altronde non si va da cardiologo quando ci fa male un dente!!!

Una volta che il collega tratta il paziente per quella che è la sua patologia e quindi verrà tenuta sotto controllo, allora possiamo procedere con l’intervento.



Cosa accade quando manca un dente?

Lo sapevi? Sono 3 600 000 000 le persone nel mondo con denti mancanti!!
*dato statistico basato su diversi studi di settore

NON VISIBILE NON SIGNIFICA NON NECESSARIO

Oggi, un sorriso attraente e dall’aspetto naturale rappresenta un simbolo di bellezza e salute.

Anche tu se hai perso un dente posteriormente potresti non sentire l’urgenza di sostituirlo.

Ho perso un dente dietro. Che senso ha rimetterlo? Tanto non si vede”.

Tuttavia non trattare un dente mancante può avere gravi conseguenze per la tua salute, il tuo aspetto e la tua vita quotidiana.

Effetti sui denti adiacenti

Un dente sano oltre che tritare il cibo permette di stabilizzare i denti adiacenti.
Se anche tu hai perso un dente, avrai notato che i denti vicini hanno iniziato a spostarsi e a “piegarsi” verso lo spazio vuoto. Così come i denti dell’arcata opposta iniziano a scendere o a salire, creando un dislivello con quelli accanto.

Questo perché i denti tra di loro sono sempre alla ricerca di un contatto. E se non lo trovano fanno di tutto per recuperarlo.

Questo collasso può complicare la riabilitazione futura de dente perso. Più passa il tempo, più i denti intorno collassano, più la situazione si rende più complessa.

Per questo NON DEVI MAI PERDERE TEMPO!

Il TEMPO è denaro, come diceva Karl Marx.

Effetti sull’osso e sulle gengive

Come dicevamo prima, l’osso in cui sono inseriti i denti si chiama osso alveolare. Quest’osso vive in presenza del dente. Quando mangiamo, parliamo, deglutiamo, etc il dente trasmette dei piccoli stimoli all’osso circostante, favorendone il fisiologico metabolismo.

Infatti il dente non è “ancorato” all’osso (a differenza dell’impianto), ma si articola a questo tramite un legamento, chiamato legamento parodontale. Questa particolare articolazione si chiama gonfosi.

Quando manca un dente, questi stimoli vengono meno e l’osso, con il tempo, inizia a riassorbirsi. E così anche la gengiva.

Quando manca osso, come abbiamo spiegato sopra, possiamo quasi sempre inserire l’impianto.

Ma questo diventa più complesso e COSTOSO!

Effetti sull’aspetto e sulla vita quotidiana

Hai presente quelle vecchiette con le guance scavate? Hanno perso dei denti!

I denti supportano i tessuti molli, come guance e labbra. La loro perdita modifica l’aspetto del viso che apparirà meno giovane e più rugoso!!

Inoltre la mancanza di uno o più denti porta ad evitare dei cibi “difficili da masticare” e con il tempo questa situazione può crearti un disagio tale da smettere di uscire con gli amici o con la famiglia per mangiarti una buona pizza!

Ponte o impianto?

L’impianto è nel 98% dei casi la scelta migliore!

Per sostituire un dente mancante con un ponte occorre “sacrificare” i due denti vicini allo spazio vuoto!

Questo significa che per rimettere un SOLO elemento perso, devo ridurre di dimensioni e incapsulare anche i denti sani vicini! E’ come se ti rompi un braccio e devi ingessare anche quello sano! Follia!

Oltre che un elevato costo biologico, il ponte ha anche un elevato costo in denaro!!! Oltre alla capsula in ceramica dello spazio mancante devi considerare anche quelle sui denti vicini!!!

Allora il ponte non va mai fatto?
FALSO. Quando non è possibile mettere un impianto per motivi di salute generale del paziente (vedi sopra) allora il ponte diventa la soluzione ideale.

5 motivi per parlare col tuo dentista

  1. … Hai perso uno o più denti o stai per estrarli?

Inserire l’impianto al momento giusto può evitare di complicare la tua situazione.

  1. … Eviti alcuni cibi perché sono troppo difficili da masticare?

Fai fatica a masticare tutto ciò che vorresti? Provi disagio quando mangi? Parlane con il tuo dentista!

  1. … Soffri di mal di testa da quando hai perso uno o più denti?

Il collasso dei denti vicini porta ad un’alterata occlusione tra l’arcata superiore ed inferiore che provoca rigidità muscolare e articolare.

  1. … La forma del viso è cambiata da quando hai perso uno o più denti?

Hai le guance scavate o le labbra ti si sono appiattite? Si sono accentuate delle rughe?

Come abbiamo descritto prima, i denti mancanti possono provocare una grave perdita della densità ossea. Ciò conferisce un aspetto meno giovanile.

  1. … Hai una protesi mobile “ballerina”?

Se sei stanco della protesi che si muove quando mangi o addirittura ti vergogni di parlare davanti ad altra gente per paura che la protesi possa cadere, allora è tempo di cambiare!


Per maggiori info

Contattaci

Per richiedere un preventivo, fissare un appuntamento o semplicemente per richiederci informazioni:


Follow us

Facebook

Non perdere i nostri articoli, le nostre promozioni e le nostre attività social, SEGUICI SU FACEBOOK





P.Iva 00447780685 – Privacy PolicyCookie policy


Centro Specialistico Odontoiatrico Ginestra
Via Portogallo 2, Montesilvano (PE)
www.studioginestra.it +39 3931002001
Informazione sanitaria ai sensi delle leggi 248/2006 e 145/2018
Titolare di studio Dott. Lanfranco Ginestra Albo Odontoiatri 051